Zonta Pink Link - Progetto MIUR

ROBERTA TONIOLO - Matematico - Manager nel settore Information Tecnology



Sintetizzi la motivazione della sua scelta formativa verso un ambito disciplinare scientifico.

Premetto che ho frequentato il liceo classico, ma non è stata una mia scelta. Un Must di famiglia e ho sofferto per 5 anni. All’università ho seguito le mia personale attitudine per le materie scientifiche optando per matematica che offriva maggiori opportunità di impiego. Non sapevo che attraverso la matematica sarei approdata all’informatica, come poi è avvenuto.

 

Tracci le tappe del suo percorso di studio e della sua carriera professionale, evidenziando i momenti positivi, i successi, ma anche le fasi critiche e le difficoltà incontrate.

Come detto sopra, arrivo a matematica per passione, la facoltà è tosta ma mi piace e nonostante la preparazione classica, vado spedita. Alla fine del secondo anno devo scegliere se proseguire gli studi orientandomi all’insegnamento o prepararmi per lavorare in azienda con specializzazioni in statistica ed informatica. Scelgo la seconda opzione, perché’ so che non sarei mai diventata una brava insegnante e l’informatica mi appassiona, è nuova, tutta da esplorare e ci sono scarse competenze sul mercato. Dopo la laurea trovo subito lavoro, certo l’ambiente è molto maschile e non è neppure chiarissimo cosa il futuro riservi, ma sono incuriosita ed anche determinata a dimostrare alla mia famiglia, che aveva ostacolato molte delle mie scelte, che ce la potevo fare con successo. Di lì avanti passo dopo passo, con una carriera verticale e trasversale, cercando di creare e cogliere tutte le opportunità, fino a diventare responsabile del marketing europeo in una grande multinazionale. Difficoltà ne ho incontrate certamente, non tanto all’inizio, ma quando ho cominciato a crescere e ad occupare posizioni ambite da uomini, ma non posso dire che fossero legate al mondo scientifico, piuttosto alla vita aziendale.

   

Elenchi quali siano, secondo lei, le caratteristiche irrinunciabili per una giovane intenzionata ad intraprendere oggi con successo una carriera in ambito tecnologico/scientifico.

Non credo esistano caratteristiche irrinunciabili per una carriera in ambito scientifico (al di là dell’interesse per il tema), le caratteristiche variano in base a ciò che si vuole ottenere e a dove si vuole arrivare. Ogni professione, l’insegnante, il ricercatore, il libero professionista, il manager di azienda, richiede doti particolari. E’ importante valutare bene le proprie attitudini e le proprie aspirazioni e pianificare, per quanto possibile, il proprio futuro, capire i propri punti di debolezza e lavorare per rafforzarli.

 

Modelli di donne realizzate in questi ambiti professionali ne ha mai avuti? Se sì, in che modo sono stati di utilità per la sua realizzazione?

Ad essere onesta no, però ho avuto molti validi modelli maschili, capi preparati ed intelligenti con i quali mi sono confrontata come professionista, con le mie competenze e la mia personalità, senza mai copiarne i comportamenti.

___________________________________________________________________________

Personale consiglio alle studentesse alla vigilia della scelta di studi universitari.

Scegliere con il cuore (la passione) ma anche con la testa: il mondo cambia rapidamente, e con esso le professioni e le opportunità di carriera, quindi guardare avanti, documentarsi, guardare cosa succede anche fuori dall’Italia. Scegliere l’università più qualificata ed affrontarla con serietà e determinazione, ma senza paura di cambiare se vi accorgete di aver sbagliato. Approfittate di questi anni anche per sperimentare e per creare un network di conoscenze che saranno utili per il futuro.

Allegato: 
PDF icon Roberta Toniolo - Matematico PDF icon CV Roberta Toniolo