Zonta Pink Link - Progetto MIUR

CATERINA DAGNINO - Matematico - professore ordinario di Analisi Numerica presso il Dipartimento di Matematica “G. Peano” di Torino


Sintetizzi la motivazione della sua scelta formativa verso un ambito disciplinare scientifico.

Dopo aver conseguito la maturità classica, la mia scelta universitaria è stata dettata dal mio interesse verso la Matematica e dal fatto che la laurea in Matematica offriva molteplici possibilità di lavoro in ambiti molto interessanti, quali  la ricerca in ambito accademico e la Computer Science.

 

Tracci le tappe del suo percorso di studio e della sua carriera professionale, evidenziando i momenti positivi, i successi, ma anche le fasi critiche e le difficoltà incontrate.

Le tappe della mia carriera sono molteplici e sono sintetizzate nel seguito.

 

1971          Laurea in Matematica con Lode, Università degli Studi di Torino.

1971-1973   Vincitrice di una borsa di ricerca CNR;

1973-1983   Assistente Ordinario, Facoltà di Scienze MFN, Università degli Studi di                                   Torino;

1983-1986   Professore Associato di Analisi Numerica, Facoltà di Ingegneria, Politecnico                           di Torino;

1986-1991   Professore prima Straordinario e poi Ordinario di Analisi Numerica, Facoltà                               di Ingegneria, Università degli Studi di L'Aquila;

1991-          Professore Ordinario di Analisi Numerica, Dipartimento di Matematica,                                     Università degli Studi di Torino;

1997-1999   Membro del Collegio Docenti del Dottorato in Matematica Computazionale e                              Ricerca Operativa, Università degli Studi di Milano;

1999-         Membro del Collegio Docenti del Dottorato in Matematica, Scuola di                                         Dottorato in Scienza ed Alta Tecnologia, Università degli Studi di Torino;

2003-2008   Direttore del Seminario Matematico dell'Università e del Politecnico di                                     Torino;

2003-2008  Editor in Chief della rivista “Rendiconti del Seminario Matematico                                            dell'Università e del Politecnico di Torino”;

2008-        Membro del Comitato Scientifico del Seminario Matematico dell'Università e                             del Politecnico di Torino;

2007-2011 Vice-direttore del Dipartimento di Matematica dell’ Università degli Studi di                                Torino;

2011-2015 Direttore del Dipartimento di Matematica dell’Università degli Studi di Torino;

2013-2015 Rappresentante dell’Area Matematica nel Senato Accademico dell'Università                             degli Studi di Torino;

2013-       Socio corrispondente dell'Accademia delle Scienze di Torino.

 

Durante la mia carriera, come in ogni attività professionale, a momenti positivi, si sono alternati momenti di difficoltà.

Gli anni tra il 1986 e il 1991 sono stati per me non facili. Infatti in tale periodo, dopo essere stata professore associato presso il Politecnico di Torino, avendo vinto un concorso da professore ordinario, sono stata chiamata  dall’Università degli Studi di L’Aquila. La mia attività accademica si svolgeva in tale Ateneo, ma la mia famiglia, marito e figlia di otto anni, vivevano a Torino. Tuttavia, grazie al supporto di mio marito e al grande amore per il mio lavoro, ho superato tutte le difficoltà incontrate e, con mia grande gioia, nel 1991 l’Università degli Studi di Torino mi ha chiamata a ricoprire il ruolo di professore ordinario di Analisi Numerica presso il Dipartimento di Matematica “G. Peano”, dove esercito tuttora la mia attività.

Numerosi sono i momenti positivi della mia carriera.

In primo luogo, sono stata molto felice di aver vinto un concorso da professore ordinario nell’anno accademico 1986/87, all’età di 38 anni. 

Nell’esercizio della mia professione ho tratto grande soddisfazione dalle collaborazioni scientifiche stabilite con ricercatori del mio settore di ricerca sia a livello locale, sia a livello nazionale e internazionale.

Ho sempre amato molto l’attività didattica universitaria sia di base sia di livello avanzato.

Gli anni trascorsi come direttore di Dipartimento e membro del Senato Accademico sono stati molto impegnativi, ma mi hanno permesso di vivere un’esperienza professionale positiva e molto significativa.

Infine l’ essere membro corrispondente dell’Accademia delle Scienze di Torino è per me un motivo di grande soddisfazione.

   

Elenchi quali siano, secondo lei, le caratteristiche irrinunciabili per una giovane intenzionata ad intraprendere oggi con successo una carriera in ambito tecnologico/scientifico.

A mio parere, una giovane intenzionata a intraprendere oggi, con successo, una carriera in ambito tecnologico/scientifico, in qualunque settore intenda lavorare, dovrà sempre fare riferimento alle seguenti parole chiave: l’amore per il proprio lavoro, un forte e costante impegno, l’alta qualità della propria attività, la consapevolezza dell’importanza dell’internazionalizzazione nell’ambito delle proprie collaborazioni professionali.

Modelli di donne realizzate in questi ambiti professionali ne ha mai avuti? Se sì, in che modo sono stati di utilità per la sua realizzazione?

Non ho avuto modelli di donne realizzate nel mio ambito professionale, anche se indubbiamente ne esistono alcuni  molto validi.

 

___________________________________________________________________________

Personale consiglio alle studentesse alla vigilia della scelta di studi universitari.

A mio parere, è fondamentale che la studentessa scelga studi universitari in ambiti che le piacciano molto, affinché i sacrifici richiesti per raggiungere gli obiettivi prefissati non le risultino troppo pesanti.

La sua mail di riferimento per eventuali contatti: catterina.dagnino@unito.it

Allegato: 
PDF icon Caterina Dagnino - Matematico PDF icon CV - Caterina Dagnino